Come pulire le finestre

Pulire le finestre

Il dramma della pulizia delle finestre

La pulizia dei vetri è un compito che deve essere fatto, ma che a pochi piace fare. I nemici principali delle finestre sono la pioggia, ma soprattutto i graffi che possono verificarsi proprio durante la pulizia: il primo perché provoca macchie sui vetri, visibili soprattutto nei giorni di sole; il secondo perché rovina irrimediabilmente la qualità delle vetrate.

Quindi, come si può pulire le finestre in maniera professionale? Andiamo per gradi.

Che cos’è il vetro?

Conosciamo come vetro o cristallo un materiale che presenta un aspetto duro, ma a sua volta è piuttosto fragile. È un materiale traslucido, quindi in ogni momento permette alla luce di attraversarlo. Si ottiene dalla fusione di calcare, sabbia silicea e carbonato di sodio, il tutto modellato ad alta temperatura.

Come pulire i cristalli?

Per una corretta pulizia dei cristalli in profondità, è importante sapere dove possiamo trovare questo materiale. Come abbiamo già detto, il vetro per finestre è molto comune. Tuttavia, lo troviamo in molti altri oggetti di uso quotidiano, come specchi, tavoli e sedie. L’importante per una corretta pulizia è avere i materiali giusti, soprattutto quando si tratta di avere una finitura priva di graffi.

Consigli per la pulizia delle finestre

Come consiglio generale, dobbiamo ricordare i seguenti punti prima di affrontare la questione della pulizia.

  • Eseguite la pulizia sciacquando sempre il panno in acqua pulita. Questo perché a volte, dopo aver pulito il davanzale della finestra, viene utilizzata la stessa acqua. È un grosso errore. Se si desidera una finitura trasparente sulle finestre, l’acqua sporca non può essere la soluzione.
  • Se durante la pulizia dei cristalli avete diluito il detergente per vetri nell’acqua, è meglio che sia distillato, poiché non avendo minerali nella sua composizione, quando si rifinisce il risultato sarà molto più pulito e trasparente. Le temute macchie degli specchi ne sono un esempio.
  • Molti di noi credono che l’acqua che abbiamo usato per pulire il vetro non dovrebbe essere nient’altro che acqua. Ancora una volta ci troviamo di fronte ad un altro errore. La durezza dell’acqua può in qualche modo influenzare questi temuti graffi di vetro. Quindi dobbiamo tenerne conto prima di iniziare a pulire i vetri.

Per fare tutto ciò, possiamo usare alcuni trucchi, rimedi o materiali per la casa che hanno lo stesso effetto di qualsiasi prodotto di pulizia che si acquista al supermercato. Uno di questi è chiaramente l’aceto. Per quanto il suo odore sia a volte fastidioso, l’aceto è senza dubbio un grande alleato. È adatto a quasi tutte le superfici ed è anche un potente disinfettante naturale.

Pulire le finestre con aceto

Per pulire i cristalli con l’aceto, la prima cosa da fare è una miscela. Il cinquanta per cento di acqua e il cinquanta per cento di aceto. Mescolare questa soluzione nel vecchio contenitore del vostro lavavetri preferito. Applicare senza timore la miscela sul vetro di casa propria. Spruzzare e asciugare per rimuovere la miscela.

È probabile che, se non sei una di quelle persone che sopportano l’odore dell’aceto, è meglio farlo in uno spazio ben ventilato. In questo modo, l’aria può eliminare l’odore il più presto possibile.

Una cosa che dovremmo anche evitare quando si puliscono i vetri è la schiuma. Anche se non sembra importante lo è, perché la schiuma può graffiare la superficie. In questo modo si evita che la finitura sia completamente trasparente e pulita e che l’oggetto si deteriori.

Se si desidera evitare tale schiuma, è possibile scegliere una delle seguenti opzioni:

  • Utilizzare aceto e acqua per pulire i cristalli da questi piccoli oggetti di vetro.
  • Pulire i vetri senza sapone. Questo può essere utile soprattutto quando la parte da pulire non è completamente sporca.

Come si puliscono le finestre con macchie di cera?

La cera è senza dubbio uno dei materiali più odiati e difficili da pulire. Questo si aggrava quando si trova su una superficie di vetro. Come sapete, se la cera cola, lascia un residuo che a sua volta crea una traccia. Perciò, se si desidera effettuare una corretta pulizia della cera su oggetti in vetro, prestare attenzione ai seguenti suggerimenti:

  • Congelare la cera. È un rimedio ampiamente usato per la pulizia della cera su vetro. Mettere l’oggetto nel congelatore e lasciarlo all’interno per almeno un’ora. Una volta che lo si togliete sarete in grado di sbarazzarvi della cera in modo abbastanza semplice.
  • Sciogliere la cera dal vetro. Per fare questo, preparare una ciotola di acqua bollente. Immergere l’oggetto con la cera nel contenitore. Non appena la cera inizia a sciogliersi, scompare completamente dall’oggetto.
  • Raschiare la cera. Quando l’oggetto che è stato macchiato dalla cera è di grosse dimensioni, come un tavolo, questo rimedio è il più efficace, ma a sua volta è anche un po’ pericoloso, in quanto la superficie può essere graffiata. Per fare questo, useremo un rasoio o un raschietto per finestre. Se dopo questo ci sono ancora tracce di cera, metteremo un panno umido con acqua calda sulla cera e rimuoveremo completamente la macchia.

Se nella vostra casa siete inclini a trovare spesso questi tipi di macchie, il nostro consiglio da specialisti è quello di scegliere candele bianche, in quanto non avendo nessun colorante la vostra macchia viene rimossa molto meglio, lasciando il vetro lucido.

Quali materiali domestici possono essere utilizzati per pulire il vetro?

Oltre all’aceto, per pulire i cristalli è possibile utilizzare sia l’alcool che le morbide spugne naturali usate con i bambini.

Ora sapete come pulire correttamente i cristalli! Ma se preferite lasciare questo compito nelle mani di specialisti, non esitate a contattarci. Corinne Pulizie effettua un lavoro impeccabile, perché siamo sempre alla ricerca della vostra soddisfazione.

Previous Post
Newer Post